Il kiwi, l'olio e i cavalli

Il kiwi, l'olio e i cavalli

L'autunno veronese assume diverse sfumature di verde. Quelle più vere arrivano da due prodotti diventati tipicità: l'olio e il kiwi.
Le colline che sovrastano la città e fanno da cuscinetto con la montagna, sono da sempre la culla dell'olivicoltura veronese. E negli ultimi anni, diversi produttori si sono impegnati a ridare nobiltà all'extravergine, troppo spesso considerato il fratello minore del vino.
In realtà si tratta di un mondo in cui alcune professionalità toccano livelli altissimi, come quella che vedrete in questa occasione: La contarina di Maurizio Tamellini.
Ci troviamo a Mezzane di Sotto, paese in cui hanno deciso di vivere anche Luisa e Sandro, ex ristoratori che anno scelto di cambiare radicalmente vita salendo fin quassù per vivere una vita più tranquilla e a dimensione umana. Un storia molto bella.
Quindi i kiwi, coltura arrivata a Verona dal lontano Oriente ormai una quarantina e passa di anni fa, quando alcuni contadini "pionieri" decisero di provare a coltivare questo frutto singolare, peloso fuori e verde dentro. Fu l'inizio di un processo che porterà Verona e l'Italia a essere uno dei luoghi più produttivi al mondo.
Infine Fieracavalli, la kermesse mondiale dedicata al mondo equestre, che tuttavia abbiamo vissuto sotto l'ottica... degustativa della Coldiretti.
Vi aspetto!
18/11/2016